rimorsi

Era questo che sognavi

pagliaccio

Era questo che sognavi, quando hai lasciato la casa per partire col circo? Adesso sei lì infreddolito, fuori da questa scuola elementare a ripetere all’infinito la stessa frase. “Ciao, lo vuoi uno sconto per il circo? Portalo ai tuoi genitori, vedrai che divertimento!”

Era questo che sognavi quando hai iniziato a lavorare presto, smettendo di studiare appena hai potuto. Volevi avere soldi tra le mani prima di tutti i tuoi amici. Così, pensavi, mi prendo il motorino e la porto al cinema o dove vuole lei. Non mi potrà resistere. Adesso da quanti anni fai il meccanico? Dieci, quindici, venti forse? Adesso lei non sai che fine ha fatto. Sapevi che si era sposata con uno che lavorava in ufficio con lei. Sapevi che aveva due bambini e che quando l’hai incontrata al supermercato dopo quel ciao come stai non avevate più niente da dirvi.

Era questo che sognavi quando vi siete detti sì? Con davanti un destino perfetto di cose da fare insieme. Ma poi la vita, a non saperla ascoltare, ha preso strade più facili, meno faticose. E nei vostri sogni l’altro compariva di rado.

Era questo che sognavi quando hai discusso la tua tesi? Un’ascesa luminosa come una vendetta. Mettendoci tutta la determinazione e la dedizione che avevi. E adesso che hai il conto corrente pieno e le domeniche vuotissime non vedi l’ora di tuffarti nella prossima settimana di lavoro e non sentire questo silenzio.

Era questo che sognavi? Mi risuona questa frase nella testa, questa frase che sa di sentenza già emessa. Era questo che sognavi? Mentre mi risuona questa domanda mi passano davanti il circense, il meccanico, lo sposo, il manager. Ma per caso passo davanti a una vetrina e mi ci specchio. Proprio mentre la mia mente manda in loop questa frase. Mi rendo conto che la frase vale anche per me. Era questo che sognavi? Era questo che sognavo?
Non lo so, forse no. Ma mi sono mosso: bene o male ho fatto delle scelte e sono andato avanti. Quindi sì, ne è valsa la pena. Mi sono mosso.

Annunci

Quanto zucchero

macchinettadelcafféSono giorni che sto male in ufficio. Oltre allo stress di Carlotta da portare all’asilo, organizzarmi per riprenderla all’uscita, fare la spesa, tenere a posto la casa e pensare a mio marito, proprio questa non ci voleva. Io non sono mai stata tanto stressata. Sì, la stanchezza, la sensazione di essere sempre fuori dalla zona podio, in questa corsa a cui non ho capito bene quando mi sono iscritta. Ma io, per dire, sono una di quelle che il lunedi arriva sempre in ufficio indossando un sorriso nuovo.
Le cose da fare facciamole. E basta piangersi addosso, ché allora sì che diventa tutto pesante!
Da quando Annalisa è andata in maternità io sono stata messa al suo posto. Così, senza preavviso. Le logiche manageriali non sono sempre così lineari e trasparenti. Forse è che mi avevano chiesto in un’altra divisione e offrirmi questo ruolo da capetto doveva sembrare loro un bel contraltare.
Ho accettato. Non so dire quale fosse la quota di stimolo per la nuova sfida e quale la quota di inerzia. Ma ho accettato, senza troppe domande.
Domani Annalisa torna dalla maternità. Non è un tipo facile. Non siamo mai state amiche. A me non piace creare consensi ai margini delle riunioni. Io sono diretta. Nel bene e nel male.
Annalisa è da qualche giorno che chiama il suo vecchio team. Mercoledi torno con voi, nella valle di lacrime siete contenti? Vi tocca lavorare, eh!
Non so quanto si renda conto che il suo approccio è migliorabile. Ma si sente sicura così e nessuno glielo ha mai fatto notare.
Domani Annalisa torna dalla maternità e troverà che le cose sono cambiate. Prima di tutto che io sono al suo posto. E quel lavoro l’ho fatto bene, in questi sette mesi. Non sta a me dirlo, ma qui nessuno vuole tornare indietro. Men che meno i nostri capi. Ma nessuno ha avuto il coraggio di dirglielo.
Domani torna Annalisa e mi toccherà fare la parte di quella che le ha fatto le scarpe. Capisci? Io! Da non credere.
Cerco di prefigurarmi, a mente la situazione.
Ciao Annalisa, bentornata. Ti va di prendere un caffé? Ma sì, qui alle macchinette del terzo piano. Mi sa che dobbiamo parlare
Guarda come sai da quando sei andata via sono stata messa nel posto che era tuo. Qui come sai nessuno di noi è indispendabile e insostituibile. Adesso con il tuo ritorno immagino che siamo tutte e due in ansia. Qualcuno (sopra le nostre teste) deciderà per noi. Quello che ti offro io è la massima trasparenza e la garanzia che verso di te sono sempre stata corretta. Quello che ti chiedo, da donna, da mamma, da collega è che non diventi una guerra tra di noi. Pensaci e dimmi se ti sembra un approccio intelligente. Quanto zucchero?
Annalisa… Annalisa quanto zucchero?