programmazione

Inseguendo la Pantera Rosa

clouseau

La mattina compilo una lista di cose da fare. Ci scrivo anche un titolo in testa, a caratteri cubitali: TO DO, cose da fare. Spesso la divido in due colonne: cose da fare per lavoro e altre cose da fare. Convintissimo che a mano a mano che la giornata avanza, spunterò quelle fatte e la sera mi ritroverò pieno di punti smarcati, sudore sulla fronte e soddisfazione.

Questo in teoria, perché nel corso della giornata la lista si modifica o, più semplicemente, viene dimenticata. Un rivolo scoordinato di attività mi porta ad aprire continuamente parentesi e con una crescente insofferenza mi accorgo di non vedere  diminuire il numero di compiti completati.
A volte mi riduco persino a barare. Mi accorgo di avere fatto altro e (dopo essermi guardato furtivamente attorno) scrivo quello che ho fatto nell’elenco e immediatamente lo depenno. Come se valesse a qualcosa.

Il problema è che non sono abbastanza selettivo. Non dovrei scrivere un elenco di trenta attività e sentire il peso di averne portate a termine solo cinque o sei. Dovrei invece scrivere un elenco di otto e essere contento di averle completate quasi tutte.

Sembra sempre che la felicità sia troppi passi in avanti. E ti viene poca voglia di accelerare, visto che non hai la sensazione di prenderla.
Perché se la insegui e senti di averla mancata di poco, allora ti viene voglia di correre più forte, di inseguire quell’ombra appena passata. Con la idiota e spavalda convinzione che ha l’ispettor Clouseau, che non si ferma mai perché la Pantera Rosa gli è sfuggita sì, ma di pochissimo.
E allora vanno bene anche i lampioni in faccia, gli agguati dell’assistente karateka e le cadute rovinose sulle bucce di banana dei marciapiedi parigini. Perché tanto quell’ombra la vedi vicino e ti rialzi subito, per non perdere le tracce.

No, ma aspetta sto divagando. Questa riflessione sulla felicità due passi avanti non l’avevo prevista, non ce l’avevo sulla TO DO list. Dai: l’aggiungo e faccio finta di accontentarmi. Ancora una volta.