Nuova richiesta

newrequest

Se potessi prendere un centesimo ogni volta che qualcuno, al mondo, pronuncia un a determinata frase, non avrei tanti dubbi. Sceglierei la frase “in fondo non ci si conosce mai davvero”.
Un po’ perché c’è sempre qualcuno che, dai e dai,  se ne rende conto. Un po’ perché l’ho detta e pensata anche io. Ma abbandonando per un attimo i miei propositi di guadagni facili, oggi c’è una cosa che prima non c’era. La facilità di conoscersi.
Con questi nuovi strumenti siamo tutti più vicini. Nel bene e nel male. Siamo interconnessi, siamo attaccati, vicini sempre. Non dobbiamo più aspettare la metà del pomeriggio per andarci a sedere sul muretto dove forse arriva quella, dove forse passa quello, dove di solito si trovano quelli.

Quando mi arriva una richiesta di amicizia (locuzione irritante, ma che ormai è stata sdoganata) io la guardo come una sorpresa.
Da piccolo, a casa di mia nonna, c’erano scatole in cima agli armadi (o nei cassettoni dei comò) pieni di oggetti poco ingombranti e fondamentalmente inutili. Per me erano un tesoro. Probabilmente erano appartenuti a qualche vecchia zia morta da tempo o a chissà chi. Per me era una meraviglia continua. Bottoni, pezzi di ingranaggi, monete con i profili di re che han perso il referendum con la storia, sostegni di zampironi, santini ingialliti, sfere di cuscinetti, segnalibri, rosari, pennini senza più penne. Io poi non prendevo niente, ma guardare in quelle scatole era una gioia. Sembrava di poter leggere quelle vite lontane.Era un po’ curiosare un po’ scoprire.

Provo un po’ la stessa sensazione quando mi arriva una richiesta di contatto nei social network da uno sconosciuto. Guardo e cerco di farmi un’idea. Guardo quello che scrive, da dove viene, le foto che ha messo. Annuso ciercospetto. Un violoncello, il pane coi semi di papavero, una foto brutta di un bellissimo pupazzo di neve che ha per occhi delle bacche stellate, un papà coi mocassini chinato di fianco a una bimba coi capelli tagliati in casa, una pila ardita di sassi in equilibrio, libri chiusi, libri aperti, librerie, scarpe buttate in un angolo dopo una corsa, raggi di ruote di biciclette da usare di sabato, Clarks’, un piede che punta il soffitto avvolto in calzini a righe, posti che a qualcuno devono aver detto qualcosa.
Poi richiudo la scatola e non prendo niente, ma mi piace questa sensazione.

22 comments

  1. A chi mi chiede l’amicizia su Fb (locuzione irritante, hai ragione) ma non correda la stessa ad un messaggio di benvenuto, non rispondo mai. Un minimo di educazione e cordialità sono richiesti anche e soprattutto da queste amicizie virtuali.

  2. Anche per me la soffitta della casa di mia nonna era un covo di tesori :)
    C’erano soprattutto le cartoline riposte entro scatole di latta…una vasta collezione corrispondenza tra i miei nonni quando erano lontani…

  3. Ecco…le richieste dagli sconosciuti mi lasciano sempre perplessa, in particolare quando poi mi accorgo che non abbiamo nulla e nessuno in comune.
    Mah, per non dire di quelli che insistono e ti aggiungono 2, 3, 4 o 5 volte.
    E ha ragione chi mi ha preceduto, un messaggio sarebbe una cosa carina, sono d’accordo!
    Buona giornata Simone, ciao!

  4. Sembra di averlo aperto ancora una volta, quel cassettone pesantissimo e corto della stanza sulla sinistra. Odore forte forte di ricordo e di altre estati andate.
    Persino i giornali avevano un altro odore e la polvere non era dannosa ma contornava il contorno tutto intorno.
    Bellissimo tornare.
    Con il poggi zampirone tornano tantissime cose.
    Bravo Simone (se serve dirlo).

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...