Volare fino al cielo

volare bambino aereo

Samuele parlava sempre di aerei. Amava gli aerei, giocava con gli aerei, costruiva aerei.
Ad ogni compleanno non c’era bisogno di chiedergli cosa desiderasse, ma solamente cercare varianti accettabili. Aerei di latta, di balsa, di plastica. E se proprio deve essere un libro allora che sia un manuale sugli aerei di carta.
In fondo è una passione simpatica, conosce tutti i nomi, tutti i modelli. È un vero spettacolo perdersi nel suo sguardo quando parla di aerei tracciando rotte limitate al raggio delle sue giovani braccia.

Oggi è un giorno speciale per Samuele. Si è svegliato presto, molto prima del necessario. Quando suona il campanello sa già chi è.
Apre dicendo “Ciao nonno, sono pronto, andiamo!”
Salendo in macchina il nonno cerca di spostare l’attenzione verso la natura. Flebile tentativo di farlo distrarre da quell’attrazione tecnologica.
“Guarda le rondini, non sono perfette? Guarda le traiettorie… Quando ero bambino la sera mi sedevo sul gradino davanti a casa e le guardavo fino a quando c’era luce. Filavano a una spanna da terra e sembravano legate a un filo. Quelle ali sottili, quella magia, quelle…”
“Nonno, facciamo tardi…”
Il nonno non prese come un’offesa quell’interruzione. Capiva benissimo l’impazienza che nasceva da una grande passione.

Il motorshow proponeva attrazioni di tutti i tipi. Moto, auto da rally, nuove soluzioni tecnologiche. Ma il vero motivo per cui erano lì era la sfilata di vecchi aerei. Samuele non stava più nella pelle quando iniziarono a passare i biplani.
“Li immaginavo più grandi, sai?”
Poi gli aerei della pattuglia acrobatica. Cabrate, picchiate, figure nel cielo fino a quasi scomparire per poi avvicinarsi tanto al suolo da far temere per la loro sorte.

Quel sorriso così ampio di colpo si fa meno convinto. Sono passati gli aerei della pattuglia che lasciava scie bianche nel cielo.
La scia adesso si dissolve a poco a poco accompagnando il suono sempre più lontano dei loro motori a pieni giri.
“Nonno tu muori?”
“Ma no, cosa dici? Sto bene…”
“No, non dico adesso. Tu sei vecchio: tu muori? Gli aerei sono bellissimi, sono passati e adesso non ci sono più.”
Il nonno non rispose subito con le parole. Preferì appoggiare la sua risposta su un solidissimo sorriso.
“La scia degli aerei che è passata è bellissima. Ma dura poco. Ma se non fossimo venuti qui non l’avremmo vista sparire, ma non l’avremmo neanche vista e non ci saremmo stupiti della sua bellezza. Valeva la pena venire. Anche se poi è finita.”
“Dice la nonna che poi quelli che muoiono vanno in paradiso…”
“Non lo so Samuele. Io al paradiso non so se ci credo. Vedi: prima abbiamo fatto tante fotografie agli aerei e persino alle loro scie. Io quando ero pilota ci sono stato tante volte sopra le nuvole e un paradiso non l’ho mai trovato. Non ci ho visto nessuno.
Vedi Samuele, io penso che i bei momenti assieme sono delle belle fotografie. Magari le nostre vite sono come quelle scie bianche, che piano piano si sciolgono per lasciare spazio alle altre. Ma i bei momenti assieme sono fotografie che tengono per sempre un ricordo bello. Anche quando la scia se ne è andata. Penso che il paradiso non sia un posto, ma sia la bellezza di lasciare un bel ricordo.”

Samuele non sapeva se aveva capito proprio tutto. Ma era felice di avere passato quella giornata indimenticabile e era contento di avere quelle fotografie da tenere da conto.

23 comments

  1. Su una cosa mi hai fatto riflettere. le fotografie di un momento bello, evocano un momento bello. Anche se quella persona non esiste più, in vita o nella tua vita. Bello Simone.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...