Io devo correre

scarpavecchia

Scrivevo tempo fa di un vecchietto sconosciuto, che incontro spesso quando vado a correre. Nella mia mente avevo costruito tutto un personaggio complicato che mi piaceva molto. Ne parlavo ai miei figli dicendo loro “Vorrei avere ancora la voglia di correre, a quell’età”.
Poi nel parcheggio della scuola, un giorno in cui sono andato fuori dagli orari soliti l’ho incontrato.
Mi sono avvicinato con un sorriso e, vedendomi in giacca e cravatta invece che in maglietta e pantaloncini, ci ha messo un po’ a riconoscermi.
“Buongiorno, ci incontriamo sempre la mattina, quando andiamo a correre…” – Aprendo un sorriso che speravo tanto venisse accolto con un altro.
“Ciao bello!  Che piacere”.
Ci siamo stretti la mano, come due vecchi amici.
Volevo verificare se il romanzo che nella mia mente avevo scritto su di lui avesse un qualche riscontro.
Gli sparato una frase molto retorica che però (è questo il brutto) è una cosa che penso davvero. “Ho raccontato ai miei figli che la vedo correre, ho detto Guardate che bravo! Spero di avere sempre voglia di correre quando avrò la sua età…”
E lui senza lasciarmi la mano mi racconta un frammento della sua vita.
“Ma io devo correre. Mia figlia ha due bambini di dieci e cinque anni. E il marito, il compagno, insomma… se n’è andato che lei è ancora giovane…”
Non capisco se l’ha lasciata o se è morto, ma non chiedo. Lui continua.
“Quindi io devo prendermi cura di loro. E non posso farlo come un vecchio. Io devo correre, devo tenermi in forma. Non per me, per loro”
Questa strana rivelazione mi imbarazza, come mi lascia un leggero disagio notare i denti che mancano.
Vorrei dirgli qualcosa di rassicurante, di consolatorio, ma adesso ho solo fretta di liberarmi da quella stretta. Trovo il modo di salutarlo e di complimentarmi per l’impegno nella corsa. Non è un grande argomento, ma non ne trovo di migliori.
Saluto e salgo in auto con un certo sollievo.
Le vite degli altri sono sempre più belle quando le sceneggiamo noi.

Advertisements

35 comments

  1. la vita sceneggiata non corrisponde quasi mai alla realtà… però il “suo perchè” ha un che di “speciale” e non la solita “corro per tenermi in forma”

  2. Ma è una bellissima motivazione, carica di altruismo. Oppure deve giustificare alla moglie il fatto che sta fuori un sacco a correre… come vedi hai ancora ampio margine per romanzare la sua storia ;)

  3. Che male c’è a immaginarsi le vite degli altri? Io trovo che sia normale. Fa parte del bisogno di fantasie e di sogno che abbiamo. Trovo altresì normale che poi la realtà sia diversa. Mi preoccupa, in senso buono, di più il tuo disagio davanti a quell’ interminabile stretta di mano.

  4. A me sembra bellissimo che quest’uomo si tenga in forma per amore dei nipoti! E poi la realtà della vita è molto più imprevedibile di qualunque nostra fantasia!
    Anche io immagino spesso le vite degli altri ma raramente ho la possibilità di sapere come stanno davvero le cose.
    Un saluto

  5. Anch’io incrociavo il mio vecchietto sconosciuto, correndo. Era spiccicato a Mickey, l’allenatore di Rocky Balboa. Nella vita me lo immaginavo coriaceo, grintoso come il personaggio del film.
    Nei momenti delle mie corse più disastrati è stato anche il mio punto di riferimento, l’unico che andasse più piano di me.
    Adesso me lo hai fatto tornare in mente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...