Febbrile

insonneTi giri. Ti rigiri. Ma quando ci sei venuto nel lettone, che non ti ho neanche sentito? Ho sentito invece tutti i calci che mi dai. Ho sentito quando ti scopri.
Il polpaccio è bollente, lo capisco perché ti scopri! La tachipirina ha finito il suo effetto e non voglio svegliare la mamma per chiedere a che ora te l’ha data, se sono passate le sei ore liturgiche. Ma tutte queste cose le dico solo a mente, non voglio svegliare il tuo sonno agitato.
Scalci, sogni, lotti. Si vede che l’inquietudine della febbre ti porta indietro di millenni. Sei uomo delle caverne, indossi un’ansia ancestrale. Un istinto di sopravvivenza che ti rende forte proprio quando sei debole.
Non fosse per la consapevolezza del tuo fastidio, direi che mi piace sentirti così, addosso, caldino, morbido.
Acc… altroché caldino! Guarda che calcione nella schiena che mi hai rifilato! Ti raddrizzo, prendendoti con due mani. Tu continua a combattere contro le tue tigri coi denti a sciabola. Scaccia orsi. Insegui mammuth.
Guardo il display luminoso della radiosveglia, sono le cinque. Troppo presto per alzarsi, troppo tardi per riprendere sonno. Cerco di calmarti con la mano e dopo almeno mille anni ci riesco.
Alle 6 e 45 la sveglia fa partire la solita stazione di musica classica. La spengo in un secondo, anche se il volume è basso. Tanto sono sveglio. Mi alzo. Tu resta a letto, adesso che dormi sereno. Deve essere stata dura, stanotte.

Annunci

12 comments

  1. Notti in bianco: quante ne ho fatte al capezzale dei figli, alternando bagnoli di pezze fredde sulle fronti bollenti, attendendo sfinita l’alba, quando la febbre sarebbe scesa, manco fossero stati Beth di Piccole Donne con la scarlattina potenzialmente mortale. Non sono mai riuscita a dormire quando loro erano ammalati, l’ansia mi divorava.

  2. Sempre bello leggerti! e come mi ritrovo in questo racconto così ben descritto, soprattutto quel senso di caldo e morbido…molti calci e le ore 5! ( peggio ancora se sono le quattro e mezza, almeno per me.)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...