A tempo perso

tempo, gestione del tempo, scadenze, stress, schedule, to do, metodo di gestione del tempoNormalmente non sono ansioso. Normalmente ho imparato a guardare in faccia lo stress. Evito di chiamarlo col suo nome. Piuttosto gli sorrido e lui se ne va, deluso di non essere riuscito a rovinarmi la giornata.
Ma ci sono giorni in cui mi sembra di non riuscire a vedere la fine di quello che sto facendo. Mi sembra di essere sempre in ritardo. Sento che non riuscirò a rispettare le scadenze, i tempi, gli appuntamenti.
E come reazione mi comporto in modo irrazionale.
Per esempio se ho un libro da studiare o un lavoro da finire cerco di stimare quanto mi manca per finirlo. Conto le pagine, stimo la fine dei lavoro. Ma facendo così perdo ancora più tempo e non procedo di un passo.
Ma oggi ho trovato un nuovo modo di perdere tempo: scrivere questo post sul tempo perso.
A tempo perso.

Annunci

16 comments

  1. Il tempo, perso, non perso, che passa, che va troppo veloce, che dura troppo, che dura troppo poco, è un tasto dolentissimo della mia vita :)
    Comunque, quando studiavo, la cosa di vedere quante pagine mancavano alla fine la facevo anch’io.

  2. Ok, io sono uguale, specialmente sul discorso della stima dei tempi. La cosa che più mi angoscia è l’imprevisto, quello che tramuta il tempo perso in rimpianto. Brutto vizio questo di perdere tempo.
    O magari è proprio l’imprevisto a piacermi, il rischio. In una vita comandata dalla routine è spassoso oltrepassare la linea gialla di sicurezza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...