Non sopporto le poesie

poesia, poeti, circolo dei poetiNon sopporto le poesie
perché non dicono mai la verità
forzano le parole in versi
le spingono, le schiacciano

Non sopporto le poesie
perché dietro hanno i poeti
esseri permalosi
che generalizzano sempre

Non sopporto le poesie
perché quando inizio a seguire
un discorso vanno a
capo. Così.

Non sopporto le poesie
perché non parlano della realtà
ma solo dei poeti
esseri irreali con la corona

Non sopporto le poesie
perché contengono parole
tipo cinto d’alloro che io al massimo
metto nell’arrosto

Non sopporto le poesie
perché sono come la pennellata
di un pittore che disegna fumo
Ma il fumo è diverso, si dissolve, sale, vive

Non sopporto le poesie
perché i poeti anelano all‘infinito
ma finiscono spesso
per rinchiudersi in circoli

Annunci

35 comments

  1. Povero Purtroppo, chissà quali brutte poesie ti avranno fatto leggere o addirittura imparare a memoria. Occorre una dieta disintossicante. Provvederò. La poesia è nelle cose e nell’occhio di chi guarda, ma alcuni poeti stinti sono davvero come li descrivi. ciao :)

  2. Il ‘cinto d’alloro’ è una ricetta poetica di Gualtiero Marchesi, il famoso
    “arrosto di verro di cinta senese alla foglia d’oro”.

    Oh sommo vate, io dico che questa ‘poesia’ sarà il manifesto della nuova corrente culturale ‘Ermetismo culinario moderno’. Che invidia belga!

  3. Io dico (ma qualcun’altro l’ha detto prima di me) che le poesie si scrivono fino ai diciassette anni. Poi a scriverle restano i poeti veri e gli imbecelli. Il problema è che gli imbecilli sono in percentuale troppo più alta. Come se la poesia fosse per tutti. Come se andare a capo ogni due parole fosse poesia. Come se non bisognasse studiare la parola per fare poesia.

    Qualche poeta io lo sopporto. Qualche.

  4. Una cosa che non sopporto delle poesie è che a furia di leggerle ti convinci di poterne scrivere anche te…
    E quasi sempre le tue “quattro righe” non sono altro che lettere e spazi.

    Che fregatura! :)

    Complimenti (come promesso sono passata! ;))

  5. sono d’accordo con chi scrive che è una bella poesia.
    Ed è una provvida passeggiata fuori dalla “comfort zone” poetica.
    Ogni tanto la ripesco per gli amici, per tua “disgrazia” :)
    un saluto dal 2017 ;) bob

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...