Lo chiamano colpo di sonno

Oh, no: ancora le spese di condominio da pagare. C’era da portare giù nel cassonetto blu la plastica e mi sono dimenticato. Volevo andare a correre e non ce l’ho fatta a incastrare tutti gli appuntamenti. Poi ci voleva anche che cambiando gestore telefonico mi lasciano senza ADSL proprio la settimana in cui serviva di più. E corri di qui e corri di là. E anche se non lo voglio ammettere, quel mancato aumento mi pesa.

E poi 300km di autostrada del sole al buio e col la nebbia. E poi sorge il sole e la nebbia sale. Tutto sembra più facile. La tensione del viaggio si allenta. I due bimbi dietro sono anche tranquilli, stanno negoziando quale canzone sentire dopo, dal loro cd di sigle di cartoni.
Di colpo un rumore. Forte. Un colpo di sonno e la macchina si è “appoggiata” sul guard-rail di destra. Mi sono svegliato subito e ho risposto ai bambini che mi chiedevano “Papà, cosa fai? Perché sei andato contro il bordo?”.
Di colpo svanisce ogni sonnolenza. L’adrenalina, penso.
Ricaccio giù tutti i pensieri che iniziano con “Se”. Perché non voglio sapere come potrebbero finire.
Mi fermo un chilometro dopo e vedo la fiancata destra segnata in tutta lunghezza.

E sono felice. Felice. Felice davvero. Non mi tremano le ginocchia. Sono solo felice di esserne uscito così. Felice.
(Ma perché non riusciamo a godere di quello che abbiamo, fino a quando non rischiamo di perderlo?)

Advertisements

12 comments

  1. Azz! Fortuna che hai solo rovinato la fiancata!

    Per rispondere alla tua domanda ripeto quanto detto in un brutto momento a mia moglie: credo che sia la natura umana, diamo per scontate alcune cose, gli affetti e ci lasciamo prendere da mille preoccupazioni, sempre a corre da una parte all’altra… fino a quando non perdiamo o rischiamo di perdere tutte quelle cose per noi importanti, ma che diamo per scontate…

  2. Successa la stessa cosa, metaforicamente, settimana scorsa.

    Sempre metaforicamente, per un attimo mi sono accorto di quante cose inutili avessi in testa.

    Illuminante, se non fosse che ancora non mi sono svegliato del tutto e sto pelando il guardrail (metaforicamente, s’intende) :-/

    PS: contento di leggerti, dopo una cosa del genere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...