Palombella sonora

Sono fermo allo stop. Aspetto che la microcar che ho davanti dia tutte le precedenze che deve. E anche qualcuna in più. La guida un ragazzo, con a fianco suo padre che gli sta insegnando a guidare.

Mi ascolto. Sono tranquillo. Non sento il solito odio che di solito emerge quando una microcar entra nel mio campo visivo.

Forse perchè “guidare una microcar con a fianco tuo padre” è una punizione sufficiente per chi pregustava ragazze e musica sul nuovo bolide.

E anche perchè “dover insegnare a quell’imbecille di tuo figlio a guidare questa ape a quattro ruote” è la giusta pena per chi arma la propria prole di un altro strato di imbecillità.

Ma sento un clacson dietro di me. Essendo alla guida della seconda macchina dietro la stricia di arresto, mi giro. La vecchia fa un gesto a palombella come per dire “non ce l’ho con lei… ma con quello oltre la sua macchina… che non si decide ad invadere l’incrocio nell’ora di punta…”. Come se il colpo nevrotico di clacson potesse essere lanciato a pallonetto.

Il mio “vai a cagare brutta vecchia” le è arrivato. In rovesciata. E penso di averla centrata.

Sono andato in ufficio più sereno. Chissà.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...