La donna che piange in coda

lacrima, donna al volante, Camminavo cercando un indirizzo. Ormai fatico a riconoscere le strade, quando ci torno per lavoro.

Controllo sul cellulare l’SMS con il numero civico. Numero 35, 37 devo andare al 51. Ad un certo punto mi sono distratto guardando dentro una macchina in coda nel traffico. C’è dentro una donna che piange. Guardo meglio, è proprio una giovane donna che piange.

Le gote mi sembrano rosse, una faccia simpatica, se l’espressione non fosse così sofferta. Ma forse il rossore è solo il pianto.
Vorrei fare qualcosa, vorrei intervenire, chiederle se ha bisogno.
Ma poi chissà cosa penserebbe. Già è scossa… rischio addirittura di impaurirla. Meglio lasciar perdere…
Eh no: così scivolo in quella viscida indifferenza che ho sempre condannato, che ho sempre combattuto.
Ho quasi deciso, mi avvicino. Alzo la mano senza convinzione, come per fare un gesto in cui non credo. Ma la coda riparte piano e l’auto si allontana, verso destra.
Chissà se mi ha visto, se ha intuito le mie buone intenzioni.
Chissà senza quei cristalli atermici, sigillati, antiriflesso. Chissà cosa avrei potuto dirti.
Probabilmente niente di decisivo. Niente che ti potesse consolare.
Avrei cercato di dirti che il tuo destino sta a cuore a qualcuno, facendo finta di non patire tutta questa retorica a grana grossa.
Chissà tu, se avresti sospeso il cammino di quella lacrima sulla guancia. O se l’avresti asciugata per ascoltarmi.
O probabilmente avresti risolto il dubbio alzando leggermente il piede dalla frizione. E dando gas.

Proseguo in silenzio, alla ricerca del civico 51.

About these ads

14 comments

  1. Io non me ne intendo, ma quello che ti ha rallentato, secondo me, non è indifferenza.Ti sei posto il problema e questo è segno di compassione.
    Penso che, se mai dovesse capitarti ancora un incontro simile, ti avvicinerai subito.

  2. A me è capitata una scena simile un giorno, in coda al supermercato.
    Ho chiesto a quella ragazza che piangeva se voleva aiuto e lei è andata via piangendo ancora. Mi era rimasta in mente tutto quel giorno.

  3. Hai centrato un bel problema della società e della mia coscienza. Un episodio che non ho voglia di raccontare. Avrai (avremo) altre occasioni dove sfoggiare un coraggio da leoni.

  4. La cultura occidentalizzata porta a fregarsene di chi ci circonda… il tuo gesto nobile poteva essere frainteso… a volte è così difficile pensare e fare perchè è la reazione degli altri che ci fa paura…

  5. Beh, ma poi perché tanta paura di essere fraintesi, in fondo? Anche se fosse, sarebbe tanto grave, tanto insopportabile? Un “Ha bisogno d’aiuto, posso fare qualcosa?” male che vada porta a un “Mi lasci in pace”, niente di così drammatico… Personalmente penso che i gesti di empatia che vengono spontanei sia sempre meglio farli, sempre.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...